Let's talk about cosmetics! - Parliamo di cosmetici!

in Ladies of Hive7 days ago (edited)

Hello everyone and thanks for being here on my Blog.

Today I’m talking about cosmetics, products of very ancient origin that are increasingly popular in our homes. Whether they are creams, masks, emulsions, lotions, gels or deodorants, cosmetic products are not without risks for the consumer and, regardless of whether they are of natural or synthetic origin, they are subject to strict laws that ensure their security.

99a.jpg
Photo by silviarita from Pixabay

Introduction

First of all, what are cosmetics?
The name derives from the Greek word "Kosmeo" which means "adorn, embellish".
"Cosmetic products are substances and preparations, other than medicines, intended to be applied on the external surfaces of the human body, such as the epidermis, hair, nails, lips, genital organs, or on the teeth and mucous membranes of the mouth, for the exclusive and prevalent purpose in cleaning, perfuming, improving the appearance, correcting body odors, protecting them or keeping them in good condition".
Hence, cosmetic products are not drugs, because drugs are "any substance or combination of substances that has the ability to cure or prevent disease".

99b.jpg
Photo by Bruno /Germany from Pixabay

Regulations in Europe

Given the great importance and diffusion of cosmetic products, the European Commission has created a technical advisory body that deals with evaluating the safety of cosmetic products, called SCCP (Scientific Committee on Consumer Products).
This body is responsible for regulating the aspects relating to the composition of cosmetic products, presentation (labeling, packaging, ...) and the formalities necessary to start production, sale or import.
In fact, all cosmetics on the market must be supported by a dossier called PIF (Product Information File) a document capable of demonstrating the total harmlessness of the product for the health of consumers.

99c.jpg
Photo by chezbeate from Pixabay

Path of creation of a cosmetic product

When the cosmetic product manufacturer decides to project to a new product, it must adhere to a rigorous process that involves:

  1. Selection of raw materials and product formulation: Here the qualitative-quantitative formula must be evaluated, the chemical-physical characteristics of the raw materials must be specified and the purity and microbiological control criteria must be respected;
  2. Production: Must comply with Good Manufacturing Practices (GMP), which ensure quality and uniformity in all Member States;
  3. Analysis and evaluation of the safety of the finished product: In this phase it is important to evaluate the safety of the finished product (which is carried out through human compatibility studies and toxicological profile of the ingredients) and the efficacy studies on humans are performed;
  4. Placing on the market;
  5. Cosmetic-vigilance: The cosmetic product never ceases to be studied, but even when it is on the market, any adverse effects on the population are reported.

99d.jpg
Photo by photosforyou from Pixabay

Risk associated with cosmetic products

Cosmetic products are not absent from toxicity, although fortunately these are usually not particularly adverse events. The main risks associated with the use of cosmetics are:

  • Redness and irritation;
  • Allergies;
  • Photosensitization.

These disorders are mainly due to the ingredients present in the cosmetic product, which may unintentionally contain toxic substances. In addiction, the risk increases by combining different products at the same time and with abuse and misuse. Constitutional and genetic factors may also intervene.

In 2020, the main products reported for adverse effects are body products (33%), face products (21%), hair dyes (17%), sunscreens (9%), make-up removers (10%) and eye contour products (10%).

99e.jpg
Photo by kinkates from Pixabay

Labeling

Each cosmetic product can be made available on the market only if the container and packaging show the following information:

  • Name of the responsible company, for imported products also country of origin;
  • Product content at the time of packaging, expressed in weight or volume;
  • The date until which the cosmetic product stored in suitable conditions will continue to perform its initial function. This date is indicated with a special symbol, the PAO (Period After Opening);
  • Special precautions for use;
  • Manufacturing batch number;
  • Product function;
  • List of ingredients. The latter is indicated with INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients), a name according to which the ingredients are indicated in decreasing order of weight.

99f.jpg
Photo by silviarita from Pixabay

Tests

Since 2009, the use of animals in cosmetics testing has been prohibited. For this reason, the main safety tests that are carried out on finished cosmetic products are represented by human studies. We can have, for example:

  • Open skin test: It is carried out for new substances used for the first time on human skin or for substances with high irritating power such as depilatory creams and hair dyes. The product is applied to the forearm for a variable time, after which the visual assessment is carried out. It can be single or repeated application;
  • Epicutaneous patch test in occlusion or semi-occlusion: This test is used for new formulations containing known raw materials. The products are applied to the forearm or back for periods of up to 48 hours with occlusive or semi-occlusive patches and the assessments are made 15 minutes and 24 hours after removing the patch. This too can be single or repeated;
  • Controlled use test: Volunteers are applied products under controlled conditions, or in the presence of an operator;
  • Home use test: A certain number of volunteers are selected who will use the product for a predetermined period of time in the absence of control by the operator.

It is also essential to evaluate the effectiveness of cosmetic products. In this regard, the parameters under study are the water content, the barrier function, the pH, the temperature, the color, the thickness, ... In some formulations we can also have the presence of a sunscreen, which is expressed as SPF (Sun Protection Factor) or as PPD (Persistent Pigment Darkening).

But safety and effectiveness are not enough to make the product marketable! Another parameter to take into consideration is cosmetic pleasantness, or the level of sensory gratification evoked by the use of the product. This too is studied through some specific tests.

99g.jpg
Photo by chezbeate from Pixabay

Counterfeit cosmetics

According to the European community "Counterfeit products are all those, including their packaging, on which a trademark identical to that registered for the same types of goods has been affixed without authorization, or which cannot be distinguished in its essential aspects from this trademark and therefore violates the rights of the owner of the trademark in question".
Buying counterfeit cosmetics is a rather serious problem, as these are low quality products that may contain:

  • Ingredients in limits higher than those allowed;
  • Prohibited ingredients;
  • High bacterial load;
  • Impurities;
  • Medicines;
  • ...

This can cause severe reactions affecting the skin and mucous membranes, which may appear within a short time of applying the product or even after a few days. Some of the pathologies caused can be irritation, contact dermatitis, acne, pigmentation changes, nail changes, hair loss, ...

It is therefore important to always buy cosmetic products that comply with current regulations and avoid those of dubious origin or low cost.

99h.jpg
Photo by Suzanna Zhang from Pixabay

Personally, I’m a huge fan of make-up products. It’s always important, however, to pay attention to the indications for use, deadlines and origin, to avoid incurring the serious consequences described above. I hope you enjoyed this article on cosmetic products. Thanks for reading this far.

See you next time,

Delilha


ITA

Ciao a tutti e grazie per essere qui sul mio Blog.

Oggi vi parlo dei cosmetici, prodotti di origine molto antica che sono sempre più diffusi nelle nostre case. Che si tratti di creme, maschere, emulsioni, lozioni, gel o deodoranti, i prodotti cosmetici non sono assenti da rischi per il consumatore e, indipendentemente dal fatto che siano di origine naturale o sintetica, essi sono soggetti a delle severe leggi che ne assicurino la sicurezza.

99a.jpg
Foto di silviarita da Pixabay

Introduzione

Innanzitutto, se volessimo dare una definizione, cosa sono i cosmetici?
Il nome deriva dal termine greco “Kosmeo” che significa “adorno, abbellisco”.

I prodotti cosmetici sono sostanze e preparazioni, diverse dai medicinali, destinate a essere applicate sulle superfici esterne del corpo umano, come epidermide, sistema pilifero, unghie, labbra, organi genitali, oppure sui denti e sulle mucose della bocca, allo scopo esclusivo e prevalente di pulire, profumare, migliorare l’aspetto, correggere gli odori corporei, proteggerli o mantenerli in buono stato”.
Quindi, i prodotti cosmetici non sono farmaci, perché i farmaci sono “qualsiasi sostanza o associazione di sostanze che ha la capacità di curare o prevenire le malattie”.

99b.jpg
Photo by Bruno /Germany from Pixabay

Normativa in Europa

Data la grande importanza e diffusione dei prodotti cosmetici, la Commissione Europea ha creato un organismo consultivo tecnico che si occupa di valutare la sicurezza dei prodotti cosmetici, chiamato SCCP (Scientific Committee on Consumer Products).
Questo ente si occupa di disciplinare gli aspetti relativi alla composizione dei prodotti cosmetici, alla presentazione (etichettatura, confezionamento, …) e agli adempimenti necessari per avviare la produzione, la vendita o l’importazione.
Infatti, tutti i cosmetici presenti sul mercato devono essere sostenuti da un dossier che si chiama PIF (Fascicolo Informazioni Prodotto), un documento in grado di dimostrare la totale innocuità del prodotto per la salute dei consumatori.

99c.jpg
Photo by chezbeate from Pixabay

Percorso di realizzazione di un prodotto cosmetico

Quando l’azienda produttrice di prodotti cosmetici decide di voler dare vita a un nuovo prodotto, deve attenersi a un processo rigoroso che prevede:

  1. Selezione delle materie prime e formulazione del prodotto: Qui vanno valutate la formula quali-quantitativa, devono essere specificate le caratteristiche chimico-fisiche delle materie prime e devono essere rispettati i criteri di purezza e controllo microbiologico;
  2. Produzione: Deve sottostare alle Good Manufacturing Practises (GMP), ovvero le buone pratiche di fabbricazione che assicurano la qualità e l’uniformità in tutti gli Stati membri;
  3. Analisi e valutazione della sicurezza del prodotto finito: In questa fase è importante la valutazione della sicurezza del prodotto finito (che viene eseguita attraverso studi di compatibilità sull’uomo e profilo tossicologico degli ingredienti) e vengono eseguiti gli studi di efficacia sull’uomo;
  4. Immissione in commercio;
  5. Cosmeto-vigilanza: Il prodotto cosmetico non smette mai di essere studiato, ma anche quando è in commercio vengono segnalati gli eventuali effetti avversi sulla popolazione.

99d.jpg
Foto di photosforyou da Pixabay

Rischio associato a prodotti cosmetici

I prodotti cosmetici non sono assenti da tossicità, anche se, fortunatamente, di solito non si tratta di eventi particolarmente avversi. I principali rischi associati all’utilizzo di cosmetici sono:

  • Arrossamenti e irritazione;
  • Allergie;
  • Fotosensibilizzazione.

Questi disturbi sono dovuti principalmente agli ingredienti presenti nel prodotto cosmetico, i quali possono contenere involontariamente delle sostanze tossiche. Inoltre, aumentano il rischio l’associazione di diversi prodotti contemporaneamente, l’abuso e l’uso improprio e possono intervenire anche fattori costituzionali e genetici.

Nel 2020 i principali prodotti oggetto di segnalazione per effetti avversi sono prodotti per il corpo (33%), prodotti per il viso (21%), tinture per capelli (17%), protezioni solari (9%), struccanti (10%) e prodotti per contorno occhi (10%).

99e.jpg
Foto di kinkates da Pixabay

Etichettatura

Ogni prodotto cosmetico può essere messo a disposizione sul mercato solo se il recipiente e l’imballaggio recano le seguenti indicazioni:

  • Nome dell’azienda responsabile, per i prodotti di importazione anche Paese d’origine;
  • Contenuto del prodotto al momento del confezionamento, espresso in peso o volume;
  • La data fino alla quale il prodotto cosmetico stoccato in condizioni adeguate continuerà a svolgere la sua funzione iniziale. Tale data è indicata grazie con un speciale simbolo, il PAO (Period After Opening);
  • Precauzioni particolari per l’impiego;
  • Numero del lotto di fabbricazione;
  • Funzione del prodotto;
  • Elenco degli ingredienti. Quest’ultimo è indicato con INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients), una denominazione seconda la quale gli ingredienti sono indicati in ordine decrescente di peso.

99f.jpg
Foto di silviarita da Pixabay

Test

Dal 2009 è vietato l’utilizzo degli animali nella sperimentazione dei cosmetici. Per questo motivo, i principali test di sicurezza che vengono effettuati sui prodotti cosmetici finiti sono rappresentati da studi sull’uomo. Possiamo avere, ad esempio:

  • Test epicutaneo aperto: Si effettua per sostanze nuove usate per la prima volta sulla cute umana oppure per sostanze ad alto potere irritante come creme depilatorie e coloranti per capelli. Il prodotto viene applicato sull’avambraccio, per un tempo variabile, dopodiché si procede con la valutazione visiva. Può essere ad applicazione singola o ripetuta;
  • Patch test epicutaneo in occlusione o semi-occlusione: Questo test si utilizza per le nuove formulazioni contenenti materie prime note. I prodotti vengono applicati sull’avambraccio o sulla schiena per periodi fino a 48h con cerotti occlusivi o semi-occlusivi e le valutazioni vengono fatte 15 minuti e 24h dopo la rimozione del cerotto. Anche questo può essere ad applicazione singola o ripetuta;
  • Test d’uso controllato: Ai volontari vengono applicati prodotti in condizioni controllate, ovvero in presenza di un operatore;
  • Test d’uso domestico: Si selezionano un certo numero di volontari che utilizzeranno il prodotto per un periodo di tempo prestabilito in assenza di controllo da parte dell’operatore.

È anche fondamentale valutare l’efficacia dei prodotti cosmetici. A tal proposito, i parametri oggetto di studio sono il contenuto idrico, la funzione di barriera, il pH, la temperatura, il colore, lo spessore, … In alcune formulazioni possiamo avere anche la presenza di una protezione solare, che viene espressa come SPF (Sun Protection Factor) oppure come PPD (Persistent Pigment Darkening).

Ma la sicurezza e l’efficacia non sono sufficienti per rendere il prodotto vendibile! Un altro parametro da tenere in considerazione è la gradevolezza cosmetica, ovvero il livello di gratificazione sensoriale evocato dall’utilizzo del prodotto. Anche questa viene studiata attraverso alcuni test specifici.

99g.jpg
Foto di chezbeate da Pixabay

Cosmetici contraffatti

Secondo la comunità Europea “Sono contraffatte tutte le merci, compreso il loro imballaggio, cui sia stato apposto senza autorizzazione un marchio di fabbrica o di commercio identico a quello registrato per gli stessi tipi di merci, o che non possa essere distinto nei suoi aspetti essenziali da tale marchio di fabbrica e che pertanto violi i diritti del titolare del marchio in questione”.
L’acquisto di cosmetici contraffatti è un problema piuttosto grave, in quanto si tratta di prodotti di bassa qualità che possono contenere:

  • Ingredienti in limiti superiori a quelli consentiti;
  • Ingredienti vietati;
  • Elevata carica batterica;
  • Impurezze;
  • Farmaci;

Questo può provocare gravi reazioni a carico di cute e mucose, le quali possono comparire entro breve tempo dall’applicazione del prodotto oppure anche dopo alcuni giorni. Alcune delle patologie provocate possono essere irritazione, dermatite da contatto, orticaria, acne, alterazioni della pigmentazione, alterazioni delle unghie, perdita di capelli, …

È quindi importante acquistare sempre prodotti cosmetici che siano conformi alle normative vigenti ed evitare quelli di dubbia provenienza o di basso costo.

99h.jpg
Foto di Suzanna Zhang da Pixabay

Personalmente, sono una grande fan dei prodotti di make-up. È sempre importante, però, fare attenzione alle indicazioni di utilizzo, alle scadenze e alla provenienza, per evitare di incorrere nelle gravi conseguenze descritte sopra. Spero vi sia piaciuto questo articolo sui prodotti cosmetici. Grazie per aver letto fino a qui.

Alla prossima,

Delilha


Sources - Fonti:
https://www.greenfacts.org/glossary/pqrs/sccp.htm
https://it.wikipedia.org/wiki/Cosmesi
https://it.wikipedia.org/wiki/INCI
https://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/HTML/?uri=CELEX:32009R1223&from=BG#d1e633-59-1


Sort:  

Thank you, what a beautiful banner 🥰

Congratulations @delilhavores! You have completed the following achievement on the Hive blockchain and have been rewarded with new badge(s) :

You distributed more than 20000 upvotes.
Your next target is to reach 21000 upvotes.

You can view your badges on your board and compare yourself to others in the Ranking
If you no longer want to receive notifications, reply to this comment with the word STOP

Support the HiveBuzz project. Vote for our proposal!

Thanks for your work 😊

You're welcome @delilhavores, thanks for your constant motivation 😊🌹😊🌹😊🌹